L'eCommerce Forum di Milano è da 13 anni uno dei più importanti appuntamenti europei per chi vende nel settore eCommerce.
E quest'anno, come nelle precedenti edizioni, lo stand di Competitoor è stato uno dei più visitati.
La price intelligence è l'argomento del giorno, perchè è ormai essenziale per vendere online e perchè non è più possibile effettuare controlli o analisi manualmente, il mercato online cresce troppo velocemente.
I dati presentati al Forum confermano un +18% sull'anno e per comprendere correttamente i motivi di questa crescita è utile ricordare l'intervento di apertura di Roberto Liscia, presidente Netcomm:

"A crescere sono soprattutto gli acquisti di prodotti (+25%) rispetto ai servizi (+6%), con il comparto che nel 2018 sarà trainato da informatica ed elettronica (+18%) con 4,6 miliardi di euro, abbigliamento (+21%), che passa da 2,4 miliardi nel 2017 a circa 3 miliardi nel 2018, e l’editoria (+25%), con 1 milione di euro."

netcommforum

e ancora..

"I settori che da qualche anno vengono connotati come emergenti registrano performance superiori: food & grocery (+34%) che passa da 830 milioni di euro del 2017 a 1,1 miliardi, beauty (+29%) con quasi 430 milioni, arredamento e home living (+44%) a quota 1,26 miliardi, auto e ricambi (+26%), che sfiorano i 610 milioni."

La crescente ricerca di prodotti online da acquistare, forza gli eCommerce di qualsiasi settore ad adottare quelle tecnologie e pratiche che siamo abituati da tempo a trovare nei servizi: utilizzo di prezzi dinamici e offerte dinamiche, dipendenti dalla competizione online.

Non è mai il prezzo più basso quello che convince i consumatori, ma il "prezzo giusto" che deve necessariamente cambiare nel tempo per sfruttare le opportunità che il mercato offre.

Il forum è stata anche l'occasione per presentare le novità del piano eCommerce e del piano Brand.
Con i dati giornalieri raccolti dai concorrenti in qualsiasi paese è possibile, oltre che implementare i prezzi dinamici per cambiare automaticamente i prezzi sul proprio eCommerce, anche il dynamic bidding, per ottimizzare le campagne pubblicitarie spostando il budget sui prodotti che hanno le performances migliori.
Nel processo di trasformazione che le aziende stanno compiendo verso la marketing automation, sono sempre più essenziali quelle funzionalità di price intelligence capaci di guidare le scelte grazie a dati reali sempre aggiornati.